Riflessioni… da dentro un Cluster Covid19

Cari tutti,

da essere umano e nativo di S. Maria di Castellabate non posso che offrire piena solidarietà (e aiuto se serve, per quelle che sono le mie possibilità o limitazioni imposte dal momento) ai miei compaesani che si trovano ad affrontare in prima persona la situazione epidemiologica che si sta paventando. Tenete duro.

Non è assolutamente una colpa beccarsi questo virus. Data la sua natura, è quasi impossibile da fermare una volta che un cluster è partito, quindi non ha senso cercare il paziente zero. Da persona che usa i numeri per ragionare (e non altre parti del corpo) proporrei uno screening a tutta la popolazione per bloccare immediatamente la cosa.

Coloro che stanno a tagliare e cucire le catene di contagio in mezzo alla strada per cercare in colpevole domani (anzi alle 11 stasera) staranno a parlare della Serie A. Ignorateli.

Da novello (super junior, alle prime armi) ricercatore, non posso però non ammonire quanti di noi minimizzano (o negano, ancora oggi) la situazione (che è una pandemia mondiale). Il pianeta sta attraversando un periodo buio come già accaduto (Chernobyl, Fukushima, Sars, Suina, Mers) in passato e come accadrà sicuramente in futuro. Evito di ricordare tutti gli ultimi disastri avvenuti in quanto riempire la pagina. Il compito di noi umani è adattarci e sopravvivere e non piangerci addosso o cercare colpevoli.

Che lo vogliate o no, la natura non è benigna. Siamo in competizione con altre migliaia (di migliaia) di entità viventi, che non aspettano altro che farci il c…. rosso.

Se dovete dare delle colpe, datele a tutti coloro che tentano di convincervi che vada tutto bene e che il Covid19 non esiste (o si cura con qualche strano rito esoterico). Di certo non datele a chi è infetto.

Siamo in pandemia. Enfatizzare ogni virgola per ignorare la cosa, per convincersi che vada tutto bene è da psicotici (leggete la definizione di Schizofrenia per capire a cosa faccio riferimento).

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*